martedì 20 novembre 2012

Auguri Arianna

 un pagliaccio ed una fatina
 
Auguri Arianna

Tanti auguri piccola fatina! Oggi compi cinque anni! La nascita del fratellino è stata un avvenimento per te piuttosto difficile, ma ora cominci a comprendere che questo piccolo pagliaccio sorridente non ti toglierà nulla, anzi aggiungerà alla tua vita sorprese ed emozioni.
Sei cresciuta tanto amor mio…hai la tua personalità imperiosa ed esigente che cela un cuore dolcissimo e molto sensibile. Tu ami chi ha più disagio e sei pronta ad aiutare i deboli.
Mia fatina rimani sempre come sei oggi, splendente d’entusiasmo e vulcanica.
La tua mamma

lunedì 1 ottobre 2012

I due piccoli “Rambo”

I due piccoli “Rambo”
Scusate l’assenza, ma ho vissuto questi due mesi in una completa apnea! Speravo con la nascita del mio secondo bambino che esistesse una sorta di giustizia divina e che dopo il “terremoto” rappresentato dalla piccola Principessa-Vampira arrivasse un bimbo tutto “nanna e pappa”!
Non avevo tenuto presente che esistono le terribili colichette!!!!!!!!!!!!il singhiozzo improvviso!!!!!!il “ruttino”ritardatario!!!!!!!!!!il rigurgito!!!!!!!!!ecc.
Sono sfinita…
Speravo in un aiuto del papà, ma lui si è defilato.
Perché noi mamme non dobbiamo mai essere stanche e gli uomini invece perennemente? Da quando è nato il piccolino fatico persino a farmi una doccia e lui, l’uomo del monte, il pupillo d’oro di mamme e zie ha iniziato persino a leggere un libro!!!!!!!!!forse io nel 2015-2016 ri prenderò in mano un libro, quando il mio Angelo comincerà a frequentare la scuola dell’infanzia.

venerdì 17 agosto 2012

Benvenuto Angelo!

Benvenuto Angelo!

Il 3 agosto alle 17:00 è nato il mio piccolo Angelo. La sofferenza per il parto è stata grande…ma quando l’ho stretto tra le mie braccia la gioia mi ha anestetizzato tutto il dolore. Il mio piccolino si era bloccato con la testolina…ho avuto tanta paura.
Il suo arrivo è stato per le nostre vite un gran cambiamento e c’è tanta stanchezza, anche perché la piccola Principessa-Vampira è più capricciosa del solito, ma la felicità quando lo sento caldo ed indifeso vicino al mio petto è enorme.
Benvenuto Piccolo Principe, la vita ti doni forza, coraggio e saggezza. Noi ti ameremo per sempre come in questi momenti!

sabato 28 luglio 2012

Esplosione di energia



Sono stremata! Ma quanta energia ha una bimbetta di quasi cinque anni? La piccola principessa-vampira non si spegne mai. E’ un continuo “facciamo, giochiamo, guardiamo, costruiamo ecc”.
Dalla mattina alle 7 fino a sera alle 22. Meglio un turno di lavoro in campagna per raccogliere pomodori! Ho esaurito le energie. In più abitando lontani “dalla civiltà” non ho un posto dove portarla e con questo enorme pancione ( in procinto di partorire, si spera)è difficile anche il movimento più semplice. La farei svagare almeno se ci fosse una ludoteca o un parco degno di questo nome…tutti i giochi che conosco li abbiamo realizzati. La Barbie ha vestiti per ben quattro stagioni! Aiutatemi, suggeritemi qualcosa da proporle. Help me!

martedì 17 luglio 2012

Il mio piccolo principe



Tra non molto guarderò il viso del mio piccolino. Queste ultime settimane sono particolarmente dure, sarà il caldo, il peso, ma mi sento proprio senza forze.
Si dibattono dentro di me tante sensazioni: la paura, la gioia, il timore di non essere in grado di crescere un altro figlio…la piccola principessa-vampira ha succhiato tutte le mie energie. Tenerla impegnata in questo periodo è particolarmente faticoso. Si annoia ed io non so più cosa inventarmi per farla giocare.
Mai come in questo momento vorrei essere abbracciata e coccolata. Magari anche un poco viziata dalle persone che amo…gestire un corpo che non riconosci più e che soprattutto non è più capace di fare quelle cose che tu davi per scontate è destabilizzante. Non riesco neppure a guardarmi allo specchio, non mi riconosco.

mercoledì 4 luglio 2012

La paperotta

La paperotta

La piccola principessa-vampira è a casa per le vacanze estive e coltiva ogni giorno la sua grande passione: la danza. E’ un vero spettacolo quando comincia  le sue coreografie. La piccola Carrà! Il bello è che poi esige che anche io ed il padre ci esibiamo in piccoli balletti. L’uomo del monte è bello anche quando balla, è sensuale e si diverte mentre muove le anche, io invece sono puntualmente presa in giro. Col pancione non è facile danzare. Il mio “ombelico del mondo” dobbiamo ormai ricercarlo a “Chi l’ha visto”. Appena comincio un poco a muovermi, perché ballare è parola grossa, i due complici si guardano e sentenziano che sembro una paperotta e che il massimo che posso fare è il “ballo del quà qua”!

P.S. ieri ho visto il volto del mio bimbo in 3D. E’ davvero bello!!!!!!!!!un pagnottone di due chili e quattrocento per ben 47 cm di altezza. Anche il dottore è rimasto senza parole. E sono alla 33 settimana!

venerdì 15 giugno 2012

La casa nella prateria

In questi giorni Rai tre ritrasmette uno dei telefilm che ho amato di più: “La casa nella prateria”.
Avrò guardato quegli episodi almeno cento volte in compagnia della mia sorellina. Conosco le storie a memoria e lo trovo sempre bellissime. La mamma delle protagoniste assomiglia alla mia mamma da giovane, sia nel carattere pacifico, comprensivo e umile, sia nei tratti del viso e nel fisico piccolo e magro.
Quanti valori importanti cercano di insegnare le storie di questo telefilm…la solidarietà prima di tutto, accontentarsi delle cose semplici ( come il profumo di un pezzo di pane fatto in casa e condiviso ancora fragrante), non giudicare dalle apparenze, cercare sempre il dialogo, in famiglia e in comunità, non emarginare, non essere classisti. Tutte virtù che sembrano “passate di moda” e che invece andrebbero riscoperte.
Siamo fagocitati da un tempo troppo veloce che meccanizza tutto, anche le emozioni.
Questo riposo forzato mi sta insegnando ad ascoltare di più me stessa e il mio bambino. Forse lui desiderava che mi fermassi per assaporare l’attimo, entrare ancora di più in sintonia, prestare reale attenzione a questo esserino che tra poco conosceremo.
Il tempo scandito non è una cosa negativa. Forse le persone riempiono “troppo” le loro giornate con tante cose da fare per non mettersi in sintonia con loro stesse.

sabato 9 giugno 2012

Fretta di nascere



Sono stati giorni difficili per me questi…la gravidanza mi rende particolarmente ricettiva ai “dolori” del mondo, l’attentato di Brindisi, il terremoto mi hanno lasciato scossa e triste.
 La mia piccola poi contribuisce a farmi sentire sfinita e malinconica in quanto   sono settimane che è particolarmente nervosa, combina continuamente qualche “marachella” e mi fa affaticare…Ieri infine al controllo dal dottore la notizia che l’utero ha cominciato troppo prematuramente ad aprirsi. Il bambino è grosso e spinge per uscire. I tempi però non sono ancora quelli giusti…deve arrivare almeno alla 34°settimana. Riposo assoluto a letto per 7 giorni. Sono spaventata, preoccupata, triste. Il mio piccolo Angelo deve pazientare ancora un pochino e la piccola principessa vampira dovrebbe cercare di essere più buona e ragionevole.
Spero di essere forte.

venerdì 25 maggio 2012

La prima gita della piccola principessa-vampira

La prima gita della piccola principessa-vampira

Oggi la mia piccola è andata in gita con i compagni di classe per la prima volta!
Ha atteso questa giornata con trepidazione ed entusiasmo, contando i giorni. I suoi occhi stamane, al risveglio, erano colmi di una gioia infinita, una felicità vera e trasparente, che appartiene ormai solo all’universo dei bambini.
Stamattina mentre si aggirava per casa, preoccupata di far tardi a scuola, mi ricordava con solerzia le cose che dovevo preparare: “ mamma hai messo nella sacca l’acqua?” “Mamma, ma lo sai che indosseremo tutti dei cappellini?” “mamma ci faranno anche delle domande…speriamo che saprò rispondere!”.
La mia piccola cresce, presto sarà una sorella maggiore….Ogni giorno aumenta la sua curiosità ed il suo entusiasmo per le piccole scoperte. Ci rallegra tutti con la sua vivacità.
Osservo la vita attraverso il suo sguardo meravigliato e mi rinnamoro dell’esistenza ogni momento.

giovedì 10 maggio 2012

Movimenti nella pancia

Il mio piccolo Napoleone ha già sviluppato una mimica  molto espressiva: può aggrottare la fronte, arricciare il naso e alzare gli angoli della bocca come per sorridere. Ora è lungo circa 33 centimetri e pesa 900 grammi.
E scalcia come un cavallo impazzito!
Ora la pancia è davvero bella grossa e comincio a fare confronti di forma e peso con qualsiasi mamma mi capiti a tiro. Mi sento un poco pesante ed a volte ho l’impressione di rotolare piuttosto che di camminare!

martedì 8 maggio 2012

Voglia di coccole


Sono giorni che mi sento strana…desidero attenzioni e premure da parte delle persone che amo.
Ho voglia di coccole. “Anche solo una carezza, un poco di tenerezza” come recitava quella bella canzone. E poi mi ritrovo a piangere per nulla. Ieri ho terminato un bel libro che mi ha permesso di viaggiare con la fantasia e di cambiare più volte identità e di fronte ad un colpo di scena ho cominciato a piangere senza riuscire a frenare il fiume di lacrime. E poi sono riaffiorati, a valanga, i ricordi…gli anni trascorsi, le emozioni, gli sguardi, le parole non dette e quelle da tacere, forse…
Mi accorgo di cercare l’affetto del mio uomo del Monte più che in altri periodi della mia esistenza. Vorrei dirgli: “Ho bisogno di te, ma non riesco ad esternare ciò che ho dentro. Una parte di me vorrebbe che lui capisse senza parole. Ma è un uomo ed è altamente improbabile questa eventualità.

giovedì 3 maggio 2012

Non è la gelosia

Ieri la piccola principessa-vampira guardandomi negli occhi mi dice: “ Mamma ma quando nascerà il fratellino non mi vorrai più bene? Per te ci sarà solo lui?”. Sono stata colta da un’emozione senza barriere, un buio freddo nel cuore. Non sapevo come rassicurarla ( sono i momenti in cui rimpiango di non aver studiato psicologia)…l’ho stretta forte e le ho confermato il mio immenso amore che, le ho giurato, durerà tutta la vita.
Non voglio che la mia piccola soffra. Lei è e sarà sempre la mia bambina, il mio amore, la mia cucciola. Spero di fare e dire le cose giuste in modo da non farla soffrire.
Ed io che pensavo che il fratellino sarebbe stato un dono!

martedì 24 aprile 2012

Sopravvivere all’otite!

Sopravvivere all’otite!Che giorni, altro che ferro e fuoco! La piccola principessa vampira ha l’otite, il mal di pancia ( ad intervalli) e fa capricci infiniti per tutto!!!!!!!!!!!!!!!io sono devastata e penso che tra poco cederò ad un urlo liberatorio…questo è uno di quei momenti in cui mi piacerebbe fuggire. Arrivo la sera stremata, guardo il letto come se fosse un miraggio e mi ci tuffo come in un mare calmo e accogliente. I medicinali hanno su mia figlia l’effetto delle droghe! E’ ancora più nervosa e irritabile del solito, e mio marito si associa (lui, però non sta assumendo alcun medicinale).
In questi momenti di panico “l’uomo del Monte” è capace solo di giudicare e sentenziare.
Ed io mi sento sola…Chissà il piccolino nella pancia cosa starà pensando…sono capitato in una gabbia di matti, come diceva sempre mia madre quando io e mia sorella cominciavamo a litigare!

venerdì 13 aprile 2012

Metamorfosi della pancia

Il mio Piccolo Napoleone ora pesa 500grammi ed è lungo 28 cm!Lui è un peso “piuma” io invece assomiglio ogni giorno di più alla moglie del Gabibbo!
Le persone che incontro si meravigliano per quanto è cresciuta la pancia, non ricordandosi che sono alla ventiduesima settimana di gravidanza! Tra poco sarà tempo di capriole per il mio piccolo acrobata, che già adesso si muove tanto. Spero stia bene nel pancione, sereno e coccolato.
La piccola Principessa-Vampira ogni sera bacia la pancia e lo saluta. Poi mi chiede una favola per lei e per il fratellino. Le piacciono quelle che invento io su tutti i componenti della famiglia.
Quella che la fa divertire di più riguarda  la mia zia-monella che si nascondeva tra le gambe del cavallo! Ogni volta che le racconto questo episodio, la piccolina spalanca la bocca per la meraviglia e poi commenta: “Ma la zia era proprio tremenda mamma!”. Non a caso le due vanno d’amore e d’accordo!

giovedì 5 aprile 2012

Il mio piccolo Napoleone

Il mio piccolo Napoleone
L’altro ieri ho fatto la strutturale. Mentre l’ecografo osservava con attenzione certosina tutti i dettagli del piccolo corpicino del mio bimbo ( ebbene sì è un maschietto di certo!) mi dice all’improvviso: “ Signora, suo figlio ha la postura di Napoleone, tiene la mano appoggiata sul fianco”. Cosa dire ad una mamma che si nutre di pane e storia insegnandola tutti i giorni a giovani innamorati solo del presente, che ignorano le meraviglie del passato? Sono rimasta con la bocca aperta per almeno un minuto e poi…la mia mente ha cominciato a correre veloce come Bucefalo, il cavallo di Alessandro. Mio figlio che ha la postura del piccolo rivoluzionario bassotto e intraprendente che sconvolse il mondo della fine del Settecento e fece coalizzare mezza Europa contro di lui? Al primo momento di gloria è subentrato il panico: e se anche lui avesse la tempra di Napoleone? Immediata risposta del mio cervello ( esiliata la sensibilità) Elba e Sant’Elena subito pronte!

lunedì 2 aprile 2012

La mia amica avvolgente

Oggi ho ricevuto una telefonata speciale. Mi ha chiamato una mia amica “storica”, una persona davvero unica, sincera, schietta. Lei ha un volto d’angelo (e in questo momento sarà ancora più bella perché è in attesa) e un cuore grande e avvolgente.
Parlarle è stato come tornare indietro di 10, 15 anni…che nostalgia dei tempi del liceo e dell’università quando sognavamo il futuro tra un caffé, un esame e un panino con la nutella !
Mi ricordo che quando eravamo in crisi lei ci preparava le crepe. Che buone!!!!!!e una sera  che si era fatto tardi e lo stomaco brontolava, una di noi, che era già mamma, preparò un uovo con la salsa talmente buono che ancora lo sogno!!!!!!!!!
Quante risate, quante paure, quanti dilemmi e quanti sogni. Oggi siamo mogli, mamme, lavoratrici, ma nel cuore siamo rimaste quelle di una volta, perse nelle trame dei libri romantici, pronte a balzare sul cavallo del principe, innamorate della vita e in attesa sempre di belle emozioni.
Ti porgo tanti auguri amica mia e sono certa sarai una mamma affettuosa e amabile, come lo sei con tutte le persone che ti sono accanto.

venerdì 30 marzo 2012

Orgogliosamente grassa!!!!!!!!!



Vorrei urlare a tutte quelle persone che il “tatto” pensano sia la polvere per i bambini o il tacco 12 che non sono ingrassata improvvisamente, bensì sono molto incinta. La mia pancia è quella di una donna alla ventesima settimana di gestazione e non quella di una donna che si è attaccata al barattolo di nutella! I commenti, quando incontri le persone, si sprecano e sono tra i più vari e opposti, da “come sei in forma” a “ti vedo gonfia”. La gente o è ipocrita ho a davvero bisogno urgente di un buon oculista.
Il periodo è già complicato tra sbalzi di umore e paure varie, poi si aggiungono anche i pareri delle varie esperte in materia di gravidanza che sono rimaste magre come acciughe( ma che non hanno assaporato neppure l’aria che respiravano)! Io queste patite della magrezza non le sopporto!
Lasciatemi vivere in maniera sana la mia gravidanza…

martedì 27 marzo 2012

Maledetta primavera!



No, non è che non mi piace la primavera…anzi gli uccellini, i fiori che sbocciano, le giornate più lunghe e miti sono tutti elementi che giocano a favore del mio rapporto con la primavera, quello che non mi piace è l’allergia, il risveglio di sintomi che già per tutto l’anno la mia piccolina deve tollerare e che ora sono in piena esplosione. Ed io da mamma- ansiosa comincio a pormi mille dilemmi: “ E’ troppo vestita la piccola?” “Avrà freddo?” “Le farà male questo vento?”
Ecc etc. Insomma gli stress mentali mi attanagliano.
Stanotte la piccola principessa-vampira si è lamentata, rigirata per tutto il tempo ed io ed il suo papà la guardavamo inermi, chiedendoci cosa avrà?
Perché non esiste un rimedio per far stare meglio questi piccolini che non possono più godere le gioie della natura senza dover starnutire, gonfiare gli occhi e divenire piccoli alieni?

lunedì 19 marzo 2012

Dedicata dalla piccola principessa-vampira al suo papà meraviglioso



Al mio papà

Papà devo dirti una cosa importante
Non ridere sai, è interessante!
È stata proprio brava la mia mamma
A darmi un papà come te,
sei il più simpatico che ci sia,
sei proprio il papà che ci voleva per me.
Per la tua festa:un dono, un fiore…
Ma non sono io il regalo migliore?
E se qualche volta ti prende la malinconia,
pensa a me e ti ritornerà l’allegria.

sabato 17 marzo 2012

Diario di una settimana infinita

Questa è stata una settimana infinita con la piccola principessa-vampira ammalata “di tutto”!!!!!!!!!!!Vederla così fragile mi ha fatto sentire impotente…vorrei difenderla da ogni pericolo, vorrei un rimedio immediato per ogni suo male.
Speriamo bene, che ora si riprenda, mi sento anche io stremata. Ho bisogno di ricaricarmi. Desidero una presa come con il mio cellulare che mi dia lo stimolo ogni volta che mi sento così a terra.

lunedì 5 marzo 2012

Il mio pancino cresce!



Comincia a crescere il mio pancino e si amplificano le emozioni. Chissà che volto avrà questo piccolino, come saranno i suoi occhi, quale sarà il suo carattere!
Mi accorgo di proteggerlo già in maniera istintiva ogni volta che mi trovo tra la folla oppure avverto qualche pericolo, poggiando la mia mano sulla pancia.
So per certo che lui ascolta la mia voce e quella delle persone che mi sono accanto ed è per questo che ho chiesto alla sorellina di cantare per lui delle canzoncine.
Mi muovo con più lentezza, ma dentro mi sento come una farfalla…non esiste solitudine, c’è un piccolino che brama le mie attenzioni ed una piccola ninfetta che non deve subire traumi. La mia principessa-vampira sarà sempre ugualmente speciale per me, lei è capace di grandi slanci di tenerezza e di ombrose espressioni di capriccio. E’ certamente unica!

domenica 19 febbraio 2012

Ennesima giornata di guerra con la piccola principessa- vampira



Ogni giorno con mia figlia ormai diventa una lotta da quando si alza la mattina.
Non le va bene nulla (dalla colazione, alla pettinatura, dalla merendina al vestiario).
È tutto un “piagnisteo” lungo e continuo, una lamentela, un lagnarsi senza fine ed io sono veramente stremata. La lotta è troppo dura e comincia a farmi davvero paura!
Non funzionano i rimproveri, né le buone maniere è testarda come un mulo di montagna!
Io mi sento sempre più frustrata…e mi chiedo dove avrò sbagliato? Ha solo quattro anni e quando sarà grande? Che cosa faremo con questo cavallo pazzo che non sa stare con gli altri, vuole sempre vincere e decidere i giochi, non sa aspettare né ascoltare? Non riesce a fare un gioco per più di cinque minuti, non ha nessuna continuità, si annoia subito...Vi prego se avete dei consigli soccorrete una povera mamma in balia della tempesta della figlia.
Il mestiere più difficile è davvero quello di genitore!

martedì 14 febbraio 2012

Tu il mio amore



Se penso a te amore ti rivedo nel mio cuore come eri quando mi sono innamorata.
Quel tuo sguardo meravigliosamente impenetrabile, quella tua aria da “ sono in questo posto ma potrei essere ovunque”,le tue mani affusolate, avvolgenti, calde, il tuo modo unico di accartocciare gli involucri delle caramelle, la tua forza e la mia immensa fragilità. Sei arrivato in un momento in cui di certezze ne avevo davvero poche e mi hai avvolto, coccolato, guidato. Mi hai donato un sogno…amore mio, senza luoghi comuni, penso davvero che senza di te non sarei quella che sono oggi. Mi hai fatto maturare, hai risvegliato i miei talenti, mi hai sorretto nei momenti in cui vacillavo, e anche quando abbiamo attraversato qualche tormento le tue mani mi sorreggevano forti e salde.
Ti ricordi, quando è nata la nostra bambina? Sei arrivato in clinica con i fiori e i cioccolatini che abbiamo gustato insieme. In quel momento è nata la nostra famiglia che presto si arricchirà di una nuova vita che già sgambetta felice nel mio ventre.
Sei il mio sostegno e la mia fantasia, le mie ali e la mia energia, il mio sorriso e le mie speranze,
ogni giorno, per sempre.

venerdì 10 febbraio 2012

C’è un alieno in me!



Il mio corpo, i miei gusti, il mio essere si stanno trasformando! È in atto in me una metamorfosi…io che adoravo il dolce ( in particolare il cioccolato), ora non posso neanche guardarlo e invece ho un’attrazione ( da nove settimane e mezzo) per tutto quello che è salato ( pizze, rustici etc).
Io che potevo vivere settimane senza pasta ora se non la mangio mi sento “impazzire”.
Io che non ho mai sofferto a causa di disturbi dello stomaco ora mi sento così male che vorrei avere potere taumaturgici, per appoggiare le mani sulla pancia, e far passare tutto!
E che dire della sensazione perenne di avere qualcosa in gola? Oppure delle notti in cui mi sveglio sudata (con questo freddo) per aver avuto delle strane visioni/sogni, o solo perché ho una tale fame che sento i brontolii dello stomaco peggio delle campane a mezzogiorno! E la chiamano “dolce attesa”!!!!!!!!!!!

domenica 5 febbraio 2012

Sfogo

Il mio blog è un diario nel quale scrivo di getto, raccontando le mie emozioni e le mie numerose paure. Non presto quindi troppa attenzione a censurarmi...nè per la scrittura, nè per il contenuto.    Questo è il mio spazio del cuore che nasce dall'amore per la condivisione e da una totale mancanza di barriere mentali. Non sono articoli di giornale o recensioni, sono frammenti di vita.

festa di compleanno

Ieri siamo stati alla festa di compleanno di mia nipote (6 anni) ed è stato il primo giorno che mi sono alzata dal letto, dopo il riposo forzato. La mia piccola principessa-vampira era felicissima. C’erano tanti bambini e un bravissimo animatore che li ha coinvolti e fatti divertire. Ogni tanto la spiavo dalla soglia della porta e mi meravigliavo che fosse così “presa”, coinvolta dai giochi, lei che di solito si stanca subito e non ha continuità.
Mi ha fatto piacere avere un’occasione per confrontarmi con altre mamme. Quando ci si racconta le proprie esperienze è uno scambio davvero importante, le cose ti appaiono con più chiarezza ed anche i problemi diventano più “piccoli”!
Le mamme sono davvero una categoria unica, riescono a fare mille cose in un minuto, senza mai perdere di vista i pargoletti curiosi e felici.

venerdì 3 febbraio 2012

L’attesa



Sono entrata finalmente nella 12 settimana di gravidanza. Tutto questo riposo forzato, questo osservare il nulla, perdersi nel silenzio, non mi ha fatto del tutto male, anche se spero con tuttto il mio essere che io e il piccolino possiamo riprendere a passeggiare, immergerci tra la gente, guardare il mondo. Nella nostra esistenza pazzamente frenetica c’è bisogno ogni tanto di solitudine e di silenzio. La nostra voce interiore ha così la possibilità di farsi sentire, altrimenti tra baccano ed energie spese per capire le esigenze degli altri, noi ci perdiamo di vista.
Sono sempre così impegnata a cercare di dare di più a chi amo che mi preoccupo sempre poco di me. Ora anche questo piccolino reclama il suo tempo e le attenzioni.
Ho mille sensazioni dentro, il mio dottore parla metaforicamente di “una vera e propria discoteca degli ormoni!”. Ed è come se non fossi più padrona del mio corpo…io che adoro i dolci ora non li posso neanche guardare e mi sogno, persino di notte, pizze e polpette!
La gravidanza è davvero un viaggio dentro sé, un vero incantesimo che amplia tutti i tuoi sensi, gli odori, le percezioni, le sensazioni. Spero di stare presto bene per poter riprendere la mia normale esistenza e per seguire la mia piccola-principessa vampira!
A presto

venerdì 27 gennaio 2012

Compleanno della mia sorellina!

Grazie piccola mia per i sorrisi, le preghiere, gli abbracci e gli incoraggiamenti
Grazie per la vicinanza fisica ed emotiva in questi giorni e in tutti gli altri della mia esistenza
Grazie per aver sempre ascoltato prima di giudicare e per non aver mai condannato i miei errori
Tu sei speciale, come il più sincero e avvolgente dei sorrisi
Sei dolce e gentile
Mai leggera nel prendere posizione
Altruista come nessuna
Sei la mia sorellina, ed oggi nel giorno del tuo compleanno ti voglio augurare un sogno che germogli nel tuo cuore, cresca nel tuo grembo e ti guardi ogni giorno della vita con immenso e gratuito amore, lo stesso che doni a me e a tutti quelli che ti sono accanto.
Tua sorella "grande"

giovedì 26 gennaio 2012

Una nuova vita

Sono stata in silenzio per un poco di tempo perché sono accadute tante cose…ho scoperto di aspettare un bambino e la notizia mi ha travolto come un uragano! L’esperienza con la piccola principessa-vampira è stata ed è parecchio impegnativa e l’arrivo di un bambino mi spaventava.
Sono felice ma ho paura , la solita paura, che si nutre delle mie immumerevoli insicurezze.
“Sarò in grado?”, “Ce la farò?”etc…Poi l’altra settimana dopo il lavoro all’improvviso …la corsa in clinica, la visita, la freddezza delle infermiere. Ero lì con il mio corpo, i sensi di colpa e le mie debolezze. Ho pensato “Lui c’è, e deve vivere!”, ho ascoltato il suo cuore. Ho immaginato, mentre immobile vedevo scivolare le gocce di medicina attraverso la flebo nel mio braccio, a come sarà…il suo volto, le sue manine, il suo carattere. Non deve andar via...mentre ero lì persa nel labirinto delle mie congetture ho sentito un urlo forte, il vagito di un bimbo appena venuto al mondo. Non c’è nulla di più grandioso, generoso e allo stesso tempo primitivo di una madre che genera un figlio.
Non voglio più temere nulla voglio ora solo sperare perché questo bambino dentro il mio cuore, dentro il mio ventre deve vivere.

domenica 1 gennaio 2012

Tempo di bilanci



Mi appresto a lasciar andar via questo 2011 e ad attendere come sempre positiva e trepidante il nuovo anno.
E’ stato un anno intenso, con momenti di incertezze e grandi gioie.
 E’ stato un anno di scoperte…abbandonare alcune certezze per lasciarsi avvolgere da nuove consapevolezze.
Ho iniziato ad esplorare il mondo delle mamme “internaute” che parlano tra loro senza paura di essere giudicate, senza pregiudizi o barriere. Ne è nato un confronto che mi aiuta ogni giorno ad essere migliore. Le mamme che si incontrano attraverso la rete non hanno ansie di prestazione, non devono apparire “per forza”, belle, brave e buone. Si presentano, si conoscono e condividono emozioni, positive e negative, con la più totale franchezza. Sarà che si sentono protette, non scoperte, difese da questo schermo che le tutela…la società invece, quella che osserviamo attraverso i volti delle persone che incontriamo ogni giorno, ci vuole perfette.
Le mie fragilità, le mie debolezze, sono diventate trampolini dai quali lanciarsi verso nuovi orizzonti di apertura, di cooperazione, alla continua ricerca di risposte non sempre semplici, quasi mai scontate. Ho coltivato il dono della creatività dal quale ne è venuta fuori anche una nuova professione! Ed ho stabilito un criterio nuovo per giudicarmi come madre.
Essere madre è un dono, ma anche una fatica e non mi sento più in colpa ad esprimerlo.
 Sei il “nido” caldo che sempre accoglie e sorregge. Sei quella a cui non può venire l’influenza altrimenti è una “catastrofe”! Essere madre è osservare i tuoi figli scoprendoli diversi da te e per questo ancora più belli.Per essere madre non devi abbandonare la donna che è in te, perché amare gli altri non è sacrificare se stessi ( che conquista!).
Durante quest’anno ho capito quanto è importante donare tempo a chi amiamo, un tempo vero fatto di ascolto. Ho anche compreso che molte persone non sono come credevo, io idealizzo sempre gli altri…
E porto nel cuore, anche se è ormai inverno, l’immagine della mia piccola in spiaggia, che rincorre gli amici inviatandoli a giocare e guarda al mondo con fiducia incondizionata, avvolta dai raggi di un caldo sole.
Lascio andar via quest’anno e abbraccio quello nuovo con fiducia e amore, certa di vivere ogni momento con intensità!
Auguri e buon 2012

cosa ti rende felice?